Sei in >> Preghiere >> Te Patrem summum genitúmque Verbum - Te, sommo Padre e Verbo, generato

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 44.210.237.158 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), domenica 2 ottobre 2022 ~ Ore : 00:09:18 • New York: 01/10/2022 18:09:18 • Tokyo: 02/10/2022 07:09:18 • Sydney: 02/10/2022 08:09:18

Settimana dell'anno n° 40 - Trimestre 4° [ottobre] Bilancia ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 275 - Giorni mancanti a FineAnno: 90

Il sole sorge alle ore 07:08 e tramonta alle ore 18:51 - Santi Angeli Custodi

Festa dei Nonni

I nonni non muoiono mai: diventano invisibili e dormono per sempre nella parte più profonda del nostro cuore.
Ci mancano ancora oggi e daremmo qualsiasi cosa per ascoltare di nuovo le loro storie, per ricevere le loro carezze, per vedere quegli sguardi pieni di infinita tenerezza.
Sappiamo che la vita funziona così: mentre i nonni hanno il privilegio di vederci nascere e crescere, noi dobbiamo essere testimoni del loro invecchiamento e del loro addio al mondo. La loro perdita è quasi sempre il primo addio che abbiamo dovuto affrontare durante l’infanzia.
I nonni non scompaiono mai da questo mondo, essi diventano invisibili, dormono per sempre su quella che è la parte più profonda che appartiene al nostro cuore. Ancora oggi ci mancano, noi daremmo qualunque cosa per riaverli nuovamente vicino a noi, per ascoltare le loro storie, per ricevere carezze da parte loro, per vedere il loro sguardi che tanto ci mancano!

 

Il Vangelo della domenica

 

Te Patrem summum genitúmque Verbum - Te, sommo Padre e Verbo, generato

Tempo Ordinario

In Festo Sanctissimæ Trinitatis

Nella Festa della Santissima Trinità

Ad Officium lectionis - Hymnus

Te Patrem summum genitúmque Verbum
Flamen ac Sanctum Dóminum faténtur
únicum, quotquot paradísi amœnus
hortus adúnat.

Quam modis miris, Trias alma, vivas
pércipit nemo, tamen usque in ævum
cælites vultu sátias, alácri
voce canéntes.

Te canunt mundi statuísse molem,
Lúmine ætérno régere univérsa,
ígnibus celsi refovére Amóris
corda tuórum.

Mente permísti súperum catérvis,
iam choris illis sociámus hymnos,
qui tua optámus fore sempitérna
pace beáti.

Amen.

All'Ufficio delle Letture - Inno

Sommo Padre, Verbo generato, Spirito Santo,
ti proclamano unico Signore
tutti coloro che sono raccolti
nell'ameno giardino del Paradiso.

Nessuno comprende, o Triade santissima,
in quanti mirabili modi tu viva,
eppure con il tuo volto sazi in eterno
i cittadini del cielo, che cantano con lieta voce.

Cantano Te, che hai fissato la mole del mondo,
che con l'eterna Luce reggi l'universo,
che riscaldi il cuore dei tuoi santi
con le fiamme dell'eccelso Amore.

Con la tua mente hai radunato le schiere celesti,
ora ci uniamo agli inni di quelle schiere,
noi che speriamo di stare per sempre
beati nella tua pace.

Così sia.

All'Ufficio delle Letture - Inno

T e, sommo Padre e Verbo, generato
e Spirito Santo, confessano unico Signore
quanti il giardino ameno
del Paradiso raduna.

Nessuno comprende pienamente, o benigna Trinità,
in qual modo mirabile Tu viva,
tuttavia sazi con la tua visione per l'eternità
gli abitanti del cielo, che a Te inneggiano con fervore.

Essi cantano che Tu hai stabilito la mole del mondo
e reggi con sapienza eterna l'universo,
e riscaldi i cuori dei tuoi,
con il fuoco di un eccelso amore.

Uniti con il cuore alle schiere superne,
ora ci associamo con inni a quei cori,
noi che desideriamo (un dì)
trovarci beati nella tua eterna pace.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2022 ~ XHTML