Sei in >> Preghiere >> Il Vangelo della domenica

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 44.210.237.158 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), sabato 1 ottobre 2022 ~ Ore : 22:10:48 • New York: 01/10/2022 16:10:48 • Tokyo: 02/10/2022 05:10:48 • Sydney: 02/10/2022 06:10:48

Settimana dell'anno n° 39 - Trimestre 4° [ottobre] Bilancia ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 274 - Giorni mancanti a FineAnno: 91

Il sole sorge alle ore 07:06 e tramonta alle ore 18:53 - Santa Teresa di Gesù Bambino (di Lisieux)

 

Il Vangelo della domenica

Capistrano (Vibo Valentia)

Il Vangelo della domenica "letto" da padre Antonio Calafati, parroco di Capistrano (Vibo Valentia).
Grazie padre Antonio Calafati per quanto ha fatto, sta facendo e continuerà a fare per la Comunità Capistranese.

Il Santo Vangelo di Domenica 2 ottobre 2022

Dal Vangelo secondo Luca [Lc 17, 5-10]

Se aveste fede! - Si haberetis fidem!

Padre Antonio Calafati

Testo: | Piccolo | Medio | Grande |

[In quel tempo,]

         ...« Gli apostoli dissero al Signore: «Accresci in noi la fede!».
Il Signore rispose: «Se aveste fede quanto un granello di senape, potreste dire a questo gelso: "Sràdicati e vai a piantarti nel mare", ed esso vi obbedirebbe.
Chi di voi, se ha un servo ad arare o a pascolare il gregge, gli dirà, quando rientra dal campo: "Vieni subito e mettiti a tavola"? Non gli dirà piuttosto: "Prepara da mangiare, stríngiti le vesti ai fianchi e sérvimi, finché avrò mangiato e bevuto, e dopo mangerai e berrai tu"? Avrà forse gratitudine verso quel servo, perché ha eseguito gli ordini ricevuti?
Così anche voi, quando avrete fatto tutto quello che vi è stato ordinato, dite: "Siamo servi inutili. Abbiamo fatto quanto dovevamo fare".»

 

Testo latino

Evangelium Secundum Lucam

[Lc 17, 5-10]

 

[In illo tempore,]

Et dixerunt apostoli Domino: «Adauge nobis fidem!». Dixit autem Dominus: «Si haberetis fidem sicut granum sinapis, diceretis huic arbori moro: "Eradicare et transplantare in mare", et oboediret vobis. Quis autem vestrum habens servum arantem aut pascentem, qui regresso de agro dicet illi: "Statim transi, recumbe", et non dicet ei: "Para, quod cenem, et praecinge te et ministra mihi, donec manducem et bibam, et post haec tu manducabis et bibes"? Numquid gratiam habet servo illi, quia fecit, quae praecepta sunt? Sic et vos, cum feceritis omnia, quae praecepta sunt vobis, dicite: "Servi inutiles sumus; quod debuimus facere, fecimus"».

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 
 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2022 ~ XHTML