Sei in >> Preghiere >> Te, Ioseph, célebrent - Te, Giuseppe, lodino

Buon Pomeriggio, visitatore, il tuo numero IP è : 44.210.151.5 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), giovedý 18 luglio 2024 ~ Ore : 13:37:50 • New York: 18/07/2024 07:37:50 • Tokyo: 18/07/2024 20:37:50 • Sydney: 18/07/2024 21:37:50

Settimana dell'anno n° 29 - Trimestre 3 [luglio] Cancro ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 200 - Giorni mancanti a FineAnno: 166: Precisamente 0 anni, 5 mesi, 24 settimane, 166 giorni, 3994 ore, 239662 minuti, 14379729 secondi!

Il sole sorge alle ore 05:50 e tramonta alle ore 20:42 - San Federico

 

Il Vangelo della domenica

 

Te, Joseph, célebrent ágmina cælitum ~ Te, Giuseppe, lodino le schiere celesti

Tempo Proprio dei Santi - Tempus Proprium de Sanctis

Die 19 martii. Sancto Joseph, sponsi Beatæ Mariæ Virginis 〈Sollemnitas〉

Giorno 19 marzo. San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria 〈Solennità〉

Ad I Vesperas - Hymnus

Te, Joseph, célebrent ágmina cælitum,
te cuncti résonent christíanum chori,
qui, clarus méritis, iunctus es ínclitæ
    casto fœdere Vírgini.

Almo cum túmidam gérmine cóniugem
admírans, dúbio tángeris ánxius,
afflátu súperi Fláminis ángelus
    concéptum púerum docet.

Tu natum Dóminum stringis, ad éxteras
Ægýpti prófugum tu séqueris plagas;
amíssum Sólymis quæris et ínvenis,
    miscens gáudia flétibus.

Eléctos réliquos mors pia cónsecrat
palmámque eméritos glória súscipit;
tu vivens, súperis par, frúeris Deo,
    mira sorte beátior.

Nobis, summa Trias, parce precántibus;
da Joseph méritis sídera scándere,
ut tandem líceat nos tibi pérpetim
    gratum prómere cánticum.

Amen.

Ai I Vespri - Inno

O Giuseppe, Te celebrino le schiere celesti,
tutti i cori dei fedeli di Cristo inneggino a Te,
che, risplendente per meriti, sei unito
con casto vincolo alla inclita Vergine.

Notando con meraviglia il seno della Sposa turgido
per l'amorevole germe, sei preso da un dubbio angoscioso,
un Angelo ti rivela che il Fanciullo
è stato concepito per afflato dello Spirito superno.

Tu stringi al petto il Signore,
Lo segui profugo nelle terre straniere d'Egitto;
smarritoLo a Gerusalemme Lo cerchi e Lo trovi,
mescolando la gioia alle lacrime.

Una morte pia consacra gli altri eletti e la gloria eterna
accoglie quelli che han ben meritato vittoria,
ma Tu in vita, pari alle schiere celesti,
più beato per una sorte mirabile, già godi Dio.

O eccelsa Trinità, perdona a noi che ti supplichiamo;
concedici, per i meriti di Giuseppe, di giungere al Cielo,
così che ci sia dato di porgere a Te
un cantico pieno di riconoscenza per l'eternità.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2024 ~ XHTML