Sei in >> Preghiere >> Te dícimus præcónio, Mater Dei puríssima

Buona Sera, visitatore, il tuo numero IP è : 3.236.83.14 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), domenica 16 giugno 2024 ~ Ore : 19:37:05 • New York: 16/06/2024 13:37:05 • Tokyo: 17/06/2024 02:37:05 • Sydney: 17/06/2024 03:37:05

Settimana dell'anno n° 25 - Trimestre 2 [giugno] Gemelli ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 168 - Giorni mancanti a FineAnno: 198: Precisamente 0 anni, 6 mesi, 28 settimane, 198 giorni, 4756 ore, 285382 minuti, 17122974 secondi!

Il sole sorge alle ore 05:34 e tramonta alle ore 20:47 - Santi Giulitta (Giuditta) e Quirico; Sant ' Aureliano

 

Il Vangelo della domenica

 

Te dícimus præcónio, Mater Dei puríssima ~ Ti innalziamo un inno, o Madre di Dio purissima

Tempo Proprio dei Santi - Tempus Proprium de Sanctis

Die 8 december. In conceptione Immaculata Beátæ María Vírginis 〈Sollemnitas〉

Giorno 8 dicembre. Immacolata Concezione della Beata Maria Vergine 〈Solennità〉

La Solennità dell'Immacolata Concezione è una festività ufficiale dal 1854, quando un dogma proclamato da papa Pio IX in quell'anno, con la sua bolla "Ineffabilis Deus", mise nero su bianco un'antica tradizione cristiana che risaliva a diversi secoli prima.

Ad Officium lectionis - Hymnus

Te dícimus præcónio,
Mater Dei puríssima;
nostris benígna láudibus
Tuam repénde grátiam.

Sontes Adámi pósteri,
infécta proles gígnimur;
labis patérnæ néscia
Tu sola, Virgo, créderis.

Caput dracónis ínvidi
Tu cónteris vestígio,
gerísque sola glóriam
intaminátæ oríginis.

Nstræ decus propáginis,
quæ tollis Evæ oppróbrium,
tu nos tuére súpplices,
tu nos labántes érige.

Serpéntis antíqui potens
astus retúnde et ímpetus,
ut cælitum perénnibus
per te fruámur gáudiis.

Patri sit et Paráclito
tuóque Nato glória,
qui sanctitátis únicæ
te munerárunt grátia.

Amen.

All'Officio delle letture - Inno

Ti innalziamo un inno,
o Madre di Dio purissima;
sulle nostre lodi, benigna,
spandi la Tua grazia.

Peccatori, discendenti di Adamo,
figli contaminati nasciamo;
Te sola, o Vergine, crediamo
ignara della colpa dei progenitori.

Con il piede calpesti
il capo dell'odioso serpente
e soltanto Tu rechi la gloria
di una icontaminata origine.

Onore della nostra progenie,
che togli la vergogna di Eva,
proteggi noi che supplichiamo,
innalza noi che vacilliamo.

Del serpente antico, o Potente
respingi le astuzie e gli attacchi
perché, per mezzo di Te, godiamo
delle perenni gioie del Cielo.

Sia gloria al Padre ed al Paraclito
e al Figlio nato da Te,
che Ti hanno adornato con la grazia
di una santità singolare.

Così sia.

* * *

Papa Leone XIII [?]

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2024 ~ XHTML