Sei in >> Preghiere >> Magi vidéntes párvulum - I Magi vedendo il Bambino

Buona Sera, visitatore, il tuo numero IP è : 34.204.169.230 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), mercoledž 21 febbraio 2024 ~ Ore : 21:25:38 • New York: 21/02/2024 15:25:38 • Tokyo: 22/02/2024 05:25:38 • Sydney: 22/02/2024 07:25:38

Settimana dell'anno n° 8 - Trimestre 1 [febbraio] Pesci ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 52 - Giorni mancanti a FineAnno: 314: Precisamente 0 anni, 10 mesi, 45 settimane, 314 giorni, 7538 ore, 452314 minuti, 27138861 secondi!

Il sole sorge alle ore 06:58 e tramonta alle ore 17:50 - San Pier Damiani

 

Il Vangelo della domenica

 

Magi vidéntes párvulum - I Magi vedendo il Bambino

Tempo di Natale - Alla Solennità dell'Epifania

Tempus Nativitatis - A Sollemnitate Epiphaniæ
In Officio de Tempore, ab Epiphania Domini usque ad festum Baptismatis Domini exclusive

Tempo di Natale - Alla Solennità dell'Epifania
Proprio del Tempo, dalla Epifania del Signore fino alla festa del Battesimo del Signore escluso

Ad Officium lectionis - Hymnus

Magi vidéntes párvulum
eóa promunt múnera,
stratíque votis ófferunt
tus, myrrham et aurum régium.

Agnósce clara insígnia
virtútis ac regni tui,
Puer, cui trinam Pater
prædestinávit índolem:

Regem Deúmque annúntiant
thesáurus et fragrans odor
turis Sabæi, at mýrrheus
pulvis sepúlcrum prædocet.

O sola magnárum úrbium
maior Bethlem, cui cóntigit
ducem salútis cælitus
incorporátum gígnere!

Hunc et prophétis téstibus
îsdémque signatóribus
testátor et sator iubet
adíre regnum et cérnere:

Regnum quod ambit ómnia
dia et marína et térrea
a solis ortu ad éxitum
et tártara et cælum supra.

Iesu, tibi sit glória,
qui te revélas géntibus,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula.

Amen.

All'Ufficio delle Letture - Inno

I magi vedendo il Bambino
tirano fuori i doni orientali,
e prostrati offrono con le preghiere
incenso, mirra e oro regale.

Riconosci gli illustri simboli
della grandezza e del tuo regno,
o Bambino, al quale il Padre
ha predestinato un triplice carattere:

l'oro e il fragrante profumo
dell'incenso della regione sabea
proclamano il Re e il Dio,
ma la mirra preannuncia la morte e il sepolcro.

O Betlemme, sola più grande
delle grandi città,
cui è toccato di dare i natali
al celeste Re di salvezza incarnato.

Secondo la testimonianza dei Profeti,
da loro stessi suggellata,
il Testatore e Creatore a Lui ordina
di entrare nel regno e giudicare:

il regno che abbraccia tutte le cose,
celesti, marine e terrestri,
da oriente ad occidente,
e gli inferi e il Paradiso in alto.

Sia gloria a Te, Gesù,
che ti riveli alle genti,
con il Padre ed il Santo Spirito
nei secoli eterni.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2023 ~ XHTML