Sei in >> Preghiere >> Iste, quem læti cólimus, fidéles - Giuseppe, che lieti celebriamo

Buon Pomeriggio, visitatore, il tuo numero IP è : 44.210.151.5 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), giovedý 18 luglio 2024 ~ Ore : 12:08:13 • New York: 18/07/2024 06:08:13 • Tokyo: 18/07/2024 19:08:13 • Sydney: 18/07/2024 20:08:13

Settimana dell'anno n° 29 - Trimestre 3 [luglio] Cancro ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 200 - Giorni mancanti a FineAnno: 166: Precisamente 0 anni, 5 mesi, 24 settimane, 166 giorni, 3995 ore, 239751 minuti, 14385106 secondi!

Il sole sorge alle ore 05:50 e tramonta alle ore 20:42 - San Federico

 

Il Vangelo della domenica

 

Iste, quem læti cólimus, fidéles ~ Giuseppe, che lieti celebriamo

Tempo Proprio dei Santi - Tempus Proprium de Sanctis

Die 19 martii. Sancto Joseph, sponsi Beatæ Mariæ Virginis 〈Sollemnitas〉

Giorno 19 marzo. San Giuseppe, sposo della Beata Vergine Maria 〈Solennità〉

Ad Officium lectionis - Hymnus

Iste, quem læti cólimus, fidéles,
cuius excélsos cánimus triúmphos,
hac die Ioseph méruit perénnis
    gáudia vitæ.

O nimis felix, nimis o beátus,
cuius extrémam vígiles ad horam
Christus et Virgo simul astitérunt
    ore seréno.

Iustus insígnis, láqueo solútus
carnis, ad sedes plácido sopóre
migrat ætérnas, rutilísque cingit
    témpora sertis.

Ergo regnántem flagitémus omnes,
adsit ut nobis, veniámque nostris
óbtinens culpis, tríbuat supérnæ
    múnera pacis.

Sint tibi plausus, tibi sint honóres,
trine qui regnas Deus, et corónas
áureas servo tríbuis fidéli
    omne per ævum.

Amen.

All'Ufficio delle Letture - Inno

In questo giorno meritò
le gioie della vita eterna
Giuseppe, che noi (suoi) fedeli lieti onoriamo
e del quale cantiamo gli eccelsi trionfi.

O troppo felice, o troppo beato,
che Cristo e la Vergine insieme
vigili assistettero con volto sereno
fino all'ultima ora.

Giusto, insigne, sciolto dai legami
della carne, Egli passa alle eterne
sedi per quieto sonno
e cinge il capo con corone splendenti.

Orsù tutti chiediamo con istanza
a lui che regna, di esserci vicino
e, ottenendoci il perdono delle nostre colpe,
di concederci il dono di una pace soprannaturale.

Siano a Te i plausi, siano a Te gli onori,
Dio trino che regni e concedi
corone auree al Servo fedele
per tutti i secoli.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2024 ~ XHTML