Sei in >> Preghiere >> Chorus novæ Ierúsalem - Il coro della nuova Gerusalemme

Buon Pomeriggio, visitatore, il tuo numero IP è : 3.215.186.30 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), martedý 21 maggio 2024 ~ Ore : 15:59:41 • New York: 21/05/2024 09:59:41 • Tokyo: 21/05/2024 22:59:41 • Sydney: 22/05/2024 00:59:41

Settimana dell'anno n° 21 - Trimestre 2 [maggio] Gemelli ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 142 - Giorni mancanti a FineAnno: 224: Precisamente 0 anni, 7 mesi, 32 settimane, 224 giorni, 5384 ore, 323040 minuti, 19382418 secondi!

Il sole sorge alle ore 05:45 e tramonta alle ore 20:29 - San Eugenio

 

Il Vangelo della domenica

 

Chorus novæ Ierúsalem ~ Il coro della nuova Gerusalemme

Tempo di Pasqua - Tempus Paschale

Tempus Paschale. Dominica Paschæ incipit Tempus Paschale usque ad Ascensionem Domini exclusive. 〈Chorus novæ Ierúsalem ad libitum in feriis post octavam Paschæ〉

Tempo di Pasqua. Domenica di Pasqua inizia il Tempo Pasquale fino all'Ascensione del Signore esclusa. 〈Chorus novæ Ierúsalem, a discrezione nelle ferie dopo l'ottava di Pasqua〉

Ad Laudes matutinas - Hymnus
Ad libitum in feriis post octavam Paschú

AChorus novæ Ierúsalem
hymni novam dulcédinem
promat, colens cum sóbriis
paschále festum gáudiis,

Quo Christus invíctus leo,
dracóne surgens óbruto,
dum voce viva pérsonat,
a morte functos éxcitat.

Quam devorárat ímprobus,
prædam refúndit tártarus;
captivitáte líbera
Jesum sequúntur ágmina.

Triúmphat ille spléndide
et dignus amplitúdine,
soli políque pátriam
unam facit rem públicam.

Ipsum canéndo súpplices
Regem precémur mílites,
ut in suo claríssimo
nos órdinet palátio.

Esto perénne méntibus
paschále, Jesu, gáudium
et nos renátos grátiæ
tuis triúmphis ággrega.

Jesu, tibi sit glória,
qui morte victa prænites,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula.

Amen.

Alle Lodi mattutine - Inno
A discrezione nelle ferie dopo l'Ottava di Pasqua

Il coro della nuova Gerusalemme
mostri la nuova dolcezza del canto,
onorando con sobrie gioie
la festa pasquale,

Nella quale Cristo, Leone invitto,
risorgendo dopo aver annientato il dragone (infernale),
risveglia i defunti da morte,
quando grida a viva voce.

L'inferno restituisce la preda,
che il malvagio aveva divorato;
le schiere, libere da schiavitù,
seguono Gesù.

Egli trionfa splendidamente
e, meritevole di ogni grandezza,
riunisce in un'unica patria
il cielo e la terra.

Supplici celebriamoLo,
da soldati supplichiamo il Re,
affinché ci disponga
nella sua reggia luminosissima.

Sii alle menti, o Gesù,
perenne gaudio pasquale,
e unisci ai tuoi trionfi
noi rinati alla grazia.

Sia gloria a Te, Gesù,
che risplendi vittorioso sulla morte,
con il Padre e il Santo Spirito
nei secoli eterni.

Così sia.

* * *

Autore : Fulberto di Chartres

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2024 ~ XHTML