Sei in >> Preghiere >> Veni, Sancte Spíritus

Buona Sera, visitatore, il tuo numero IP è : 52.3.228.47 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerd́ 25 settembre 2020 ~ Ore : 20:50:47 - Settimana dell'anno n° 39 - Trimestre 3° [settembre] Bilancia :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 269 - Giorni mancanti a FineAnno: 97

Il sole sorge alle ore 07:00 e tramonta alle ore 19:03 - San Cleofa, Santa Aurelia

 

Il Vangelo della domenica

 

Veni, Sancte Spíritus - Vieni, o Santo Spirito

 

Veni, Sancte Spíritus, reple tuórum corda fidélium: et tui amóris in eis ignem accénde.

Vieni, Santo Spirito, riempi i cuori dei tuoi fedeli ed accendi in essi il fuoco del tuo amore.

 

Latino

Veni, Sancte Spíritus,
et emítte cælitus
lucis tuæ rádium.

Veni, pater páuperum,
veni, dator múnerum,
veni, lumen córdium.

Consolátor óptime,
dulcis hospes ánimæ,
dulce refrigérium.

In labóre réquies,
in æstu tempéries,
in fletu solácium.

O lux beatíssima,
reple cordis íntima
tuórum fidélium.

Sine tuo númine,
nihil est in hómine
nihil est innóxium.

Lava quod est sórdidum,
riga quod est áridum,
sana quod est sáucium.

Flecte quod est rígidum,
fove quod est frígidum,
rege quod est dévium.

Da tuis fidélibus,
in te confidéntibus,
sacrum septenárium.

Da virtútis méritum,
da salútis éxitum,
da perénne gáudium.

Amen.

Ritmica

Vieni, Santo Spirito,
e dal cielo inondaci,
con la luce vivida.

Padre sei dei poveri
donator benefico,
luce degli spiriti.

Consolante balsamo,
ospite dell'anima,
dolce refrigerio.

La fatica attenua,
la calura mitiga,
il dolore allevia.

Luce beatissima,
nelle menti penetra
del tuo santo popolo.

Senza la tua opera
nulla c'è nell'intimo,
nulla d'incolpevole.

Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciè che sanguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
se deviamo guidaci.

Sui fedeli supplici
che in Te confidano,
i tuoi doni scendano.

Da' col bene il merito,
da' salvezza all'anima,
da' l'eterno gaudio.

Così sia.

Traduzione

Vieni, Santo Spirito,
e manda a noi dal cielo
un raggio della tua luce.

Vieni, Padre dei poveri,
vieni, datore dei doni,
vieni, luce dei cuori.

Consolatore perfetto,
ospite dolce dell'anima,
dolcissimo sollievo.

Tu, nella fatica, riposo,
nella calura, riparo,
nel pianto, conforto.

O luce beatissima,
invadi nell'intimo
il cuore dei tuoi fedeli.

Senza la tua forza,
nulla è nell'uomo,
nulla senza colpa.

Lava ciò che è sordido,
bagna ciò che è arido,
sana ciò che sanguina.

Piega ciò che è rigido,
scalda ciò che è gelido,
raddrizza ciò che è sviato.

Dona ai tuoi fedeli
che solo in te confidano
i tuoi santi doni.

Dona virtù e premio,
dona morte santa,
dona gioia eterna.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2020 ~ XHTML