Sei in >> Santi Patroni >> Preghiere >> San Biagio

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 34.204.169.230 - Fanne buon uso ;-) — Pasqua sarà e⁄o è stata il 31/03/2024

Capistrano (VV), mercoledž 21 febbraio 2024 ~ Ore : 23:23:51 • New York: 21/02/2024 17:23:51 • Tokyo: 22/02/2024 07:23:51 • Sydney: 22/02/2024 09:23:51

Settimana dell'anno n° 8 - Trimestre 1 [febbraio] Pesci ♥ ;-) • Giorni trascorsi da InizioAnno: 52 - Giorni mancanti a FineAnno: 314: Precisamente 0 anni, 10 mesi, 45 settimane, 314 giorni, 7536 ore, 452196 minuti, 27131768 secondi!

Il sole sorge alle ore 06:58 e tramonta alle ore 17:50 - San Pier Damiani

 

Il Vangelo della domenica

 

San Biagio, vescovo e martire

San Biagio, vescovo e martire. Morto a Sebaste (Armenia) intorno al 316 >d.C.

San Biagio

Nelle chiese, ha luogo stamani una breve e insolita cerimonia: il sacerdote incrocia al collo dei fedeli due candele benedette, invocando la protezione di San Biagio con queste parole:
«Per le preghiere e i meriti di San Biagio, Dio ti liberi dai mali della gola e da ogni altro male».
Con tale cerimonia, la Chiesa ha dato un carattere, diciamo così, ufficiale, ad una pia tradizione, vecchia di molti secoli. La vera storia di San Biagio è molto vaga, per non dire oscura. Nonostante ciò, o forse proprio per questo, la sua figura ha fatto fiorire diverse leggende, e queste han lungamente nutrito la sua devozione.

San Biagio sarebbe vissuto a Sebaste, in Cappadocia, l'odierna Anatolia, tra il III e il IV secolo. Pare che fosse medico, e Vescovo di quella città. Quando cominciò la persecuzione di Licinio, prima larvata, poi sempre più violenta, egli fuggì di città, rifugiandosi in una grotta sui monti.
Licinio, uno dei "colleghi" di Costantino, aveva autorità sulle regioni orientali dell'Impero. Geloso della potenza del grande Imperatore, gli si mise contro, e per prima cosa divenne persecutore dei Cristiani. Con ciò contravveniva all'Editto di Milano, ch'egli stesso aveva sottoscritto insieme con Costantino. La sua persecuzione fu quindi un mezzo di lotte politiche, anzi una espressione della rivalità tra i due colleghi. Ma le sofferenze dei cristiani d'Oriente non furon per questo meno crudeli, finché Costantino non riportò sul rivale una completa vittoria.

Pare che San Biagio, recluso volontario nella caverna, seguitasse a svolgere in segreto la sua opera di Vescovo. Non dimenticò, cioè, neanche sui monti,il gregge dei cristiani di Sebaste, lontano e minacciato. E a questo gregge di uomini, si aggiunse, secondo la leggenda, un seguito di animali selvatici, che visitavano il Vescovo nella caverna, recandogli il cibo. Finalmente venne scoperto da alcuni cacciatori. Condotto nella città, fu imprigionato, e anche in carcere operò diversi miracoli.
A tempo debito venne processato, ma, davanti al giudice, il Vescovo cristiano rifiutò il sacrificio pagano. Allora gli venne strappata la carne con pettini di ferro acuminati, simili a quelli usati per cardare la lana. Dilacerato corpore, infractus animo resistit, dice la Passio, cioè il racconto del suo martirio, commentando la infrangibile resistenza del Vescovo, nel sanguinoso strazio del suo corpo.
Il particolare dei pettini di ferro ha fatto sì che San Biagio fosse considerato Patrono dei cardatori, ma un altro episodio leggendario ha colpito più efficacemente e durevolmente la fantasia devota. Il Vescovo fu infatti condannato alla decapitazione, e si narra che, mentre veniva condotto al martirio,
«venne una femmina, e reco ai piedi del Santo un suo figliuolo che moriva, che gli s'era travolto un osso di pesce entro ne la gola. E San Biagio, ponendo le mani sopra di lui, pregò Iddio, e il fanciullo fue incontanente sanato e guarito».
Questo episodio delicato e affettuoso, compiuto sulla via del martirio, ha valso al Santo la sua qualifica di protettore da tutti i mali della gola, che la tradizione ha confermato con un culto secolare, e che la Chiesa accoglie nella liturgia di questo suo giorno festivo.

* * *

Preghiera a San Biagio

O glorioso San Biagio, che, con una breve preghiera, restituiste la perfetta sanità ad un bambino che per una spina di pesce attraversata nella gola stava per mandare l'ultimo anelito, ottenete a noi tutti la grazia di esperimentare l'efficacia dei vostro patrocinio in tutti i mali di gola, ma più di tutto, di mortificare con la fede pratica dei precetti di Santa Chiesa, questo senso tanto pericoloso. E voi che col vostro martirio lasciaste alla Chiesa un'illustre testimonianza della fede, impetrateci di conservare questo dono divino e di difendere, senza umano rispetto, con le parole e con le opere della verità della stessa fede, tanto combattuta e denigrata ai giorni nostri.
Così sia

* * *

Fonte: Piero Bargellini, Mille Santi del giorno, Vallecchi editore, 1977

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2023 ~ XHTML