Sei in >> Capistranesi >> Maestro Orlando Serrao

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 35.153.39.7 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerdì 4 dicembre 2020 ~ Ore : 00:03:38 - Settimana dell'anno n° 49 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 339 - Giorni mancanti a FineAnno: 27

Il sole sorge alle ore 07:21 e tramonta alle ore 16:39 - San Giovanni Damasceno, Santa Barbara

 

Maestro Orlando Serrao e la Banda Musicale di Capistrano

M° Orlando Serrao, Concertatore e Direttore Artistico della Banda Musicale di Capistrano

La ricerca storica sulla "Banda Musicale di Capistrano" diretta dal M° Orlando Serrao è stata ideata e portata a termine dal Colonnello della Marina Militare Bruno Cav. Tino.

Per tracciare un quadro il più veritiero possibile sullla "Banda Musicale di Capistrano", diretta dal M° Orlando Serrao, occorrerebbero notizie e documenti di prima mano che, purtroppo, non ci è dato conoscere. Intanto è accertato che la "Banda Musicale di Capistrano", diretta dal M° Orlando Serrao, nasce nell'anno 1949, per volontà dello stesso valente maestro, che con grande serietà e devozione riesce ad accompagnare con le proprie "note" i momenti più importanti e significativi della vita della comunità Capistranese.
Sembra sia stato ieri invece è già trascorso parecchio tempo da quella indimenticabile sera invernale (febbraio 1949), quando il maestro Serrao, in quel locale di via Renda (oggi via Francesco Cilea), situato al piano terra della sua abitazione, provvedeva ad ufficializzare la sua idea. Nessun atto costitutivo, nessuna delibera consiliare, ma solo la stesura di una scrittura privata che, oltre a riportare la costituzione della Banda musicale, elencava poche prescrizioni di natura statutaria. La Banda musicale contava su un organico di quasi 50 elementi, per la maggior parte giovani e giovanissimi, alcuni dei quali proveniente dai paesi vicini, chiamati a rimpiazzare qualche elemento mancante.
A parte alcuni validi solisti, suonatori di prima fila detti "professori", il resto del corpo musicale era formato in prevalenza da artigiani: falegnami, fabbri, sarti, calzolai, muratori ..., animati da grande passione per la musica. Quei musicanti, in quanto tali, erano sempre a disposizione per qualsiasi evento.

La Banda musicale era bene organizzata e si riuniva due volte a settimana per preparare le esecuzioni da presentare, poi, in pubblico in occasione di grandi feste. I pezzi eseguiti erano ascoltati attentamente e con una certa competenza: soprattutto gli artigiani capistranesi erano veramente appassionati della musica lirica e sinfonica, quindi, seguivano con immenso piacere le prestazioni della Banda. Per quanto riguarda il repertorio musicale, la Banda, oltre al vasto "catalogo" marciabile, vantava un largo repertorio di musica leggera e soprattutto lirico, sinfonico: Giuseppe Verdi, Vincenzo Bellini, Gaetano Donizzetti, Pietro Mascagni, Giacomo Puccini, Francesco Cilea, Ruggero Leoncavallo, Amilcare Ponchielli, Arrigo Boito, Georges Bizet ecc.
Ma la nostra Banda per la sua bravura, serietà e competenza, era richiesta da altri numerosi paesi della Calabria, dove si svolgevano festeggiamenti di grande richiamo popolare, e lì si esibiva con autorità eseguendo i più bei pezzi di opere liriche, sinfoniche e musiche varie che deliziavano gli intenditori locali. Le esecuzioni erano seguite soprattutto quando c'era la parte del solista, che entusiasmava particolarmente gli ascoltatori. In queste occasioni si manifestava tutta la bravura e capacità del M° Orlando Serrao. Era una Banda ben organizzata. Dal clarinetto al trombone, al tamburino, alla grancassa, ai piatti: tutti erano bravi e tutti erano utili e quasi indispensabili perché ben affiatati.

In particolare, quando la Banda si doveva riunire o per concertare o perché doveva recarsi nei paesi dove era stata richiesta, era il "bidello/banditore", soprannominato "Garibaldi", che provvedeva ad avvisare a casa oppure nelle loro botteghe tutti i musicanti dei quali conosceva indirizzi e luoghi di lavoro. Forse non conosceva tutti i loro cognomi, ma sicuramente gli erano noti i soprannomi, con i quali venivano abitualmente appellati. Nei decenni passati, come si sa, tutti avevano il soprannome, che a volte veniva da lontane generazioni. Quei soprannomi potevano essere accettati e sopportati, ma c'erano soprannomi che proprio non erano digeriti e più di una volta si arrivava persino a litigare.
La Banda musicale, che per molti anni è stata l'orgoglio del popolo capistranese, si sciolse, per motivi non del tutto ancora noti, dopo ben sei anni di piena attività e più precisamente nel 1955.

Capistrano si stava trasformando anche culturalmente ed i paesani, nel loro piccolo, modificavano il loro stesso modo di vita annebbiando o addirittura oscurando quanto di meglio ci veniva tramandato dalle generazioni precedenti. Pertanto, i musicanti giovani, per mancanza di lavoro, prendevano la via dell'emigrazione, gli anziani rimanevano in paese a ricordare vecchi e mai dimenticati concerti e manifestazioni musicali eseguiti con amore e tanta passione diretti dal maestro Orlando Serrao, galantuomo e degno rappresentante della Banda, che ha onorato il nome di Capistrano e dei capistranesi nei paesi limitrofi ed oltre. Memorabili rimangono per i più anziani le "sfide" con altri quotatissimi complessi calabresi. Erano complessi noti come quello di Pizzo Calabro, Nicastro, Dasà, Seminara e via di seguito.
Ultimamente c'è stata una ventata di risveglio entusiastico per la rinascita, a Capistrano, di un nuovo complesso bandistico. La cosa pare sia riuscita ed abbiamo visto per le strade del paese un Complesso bandistico molto ben avviato che, nonostante la giovanissima età dei suoi elementi, lascia ben sperare. La presenza di alcune ragazze dà una ventata di nuovo e di diverso dalle solite presenze solo maschili.

Ora ci è rimasto il ricordo gradito di molti dei nostri musicanti da tempo scomparsi, tra gli altri pure il M° Orlando Serrao, mentre altri di età avanzata ancora oggi, con la loro presenza, testimoniano quanto di meglio Capistrano ha saputo coltivare e valorizzare nel tempo della cultura musicale, frutto di tanto lavoro ed abnegazione di persone che hanno onorato il nostro paese.

 

* * *

 

Composizione della Banda Musicale

Maestro Direttore Artistico e Concertatore: Orlando Serrao

Capo Banda: Domenico Mesiano

 

Cognome e nomeSoprannomeStrumento musicale
Barbiere Giuseppe -Clarinetto in Mi bemolle
Belvedere Vincenzo (*) -Clarinetto in Si bemolle
Caputo Antonio'U figghiu 'e JapichiajiuClarinetto in Si bemolle
Caruso Giuseppe (*) -Clarinetto in Si bemolle
Cilurzo RoccoRuaccu 'e biciclettaClarinetto in Si bemolle
Condello AntonioTotò 'e VitarelluFlicorno soprano
Condello Antonio'Ntuani 'e GiuliaClarinetto in Si bemolle
Condello GerardoGirardu 'e MiliuSax contralto
Condello Giuseppe'U figghiu 'e 'Ntuani 'e GiuliaClarinetto in Si bemolle
Condello Pasqualino'U figghiu 'e 'Ntuani 'e GiuliaClarinetto in Si bemolle
De Francesco Francesco (*) -Percussioni
De Nino LuigiLoici 'e SegretaFlicorno soprano
Esposito RaffaeleRapinaTromba in Si bemolle
Esposito SalvatoreTuruzzu 'e settesordiSax soprano
Forte Antonio'Ntuani 'e BellinuCorno
Furlano Domenico -Clarinetto in Si bemolle
Galloro Nicola -Clarinetto in Si bemolle
Gugliotta Giuseppe (*) -Corno
La Serra AntonioTotò 'e MargheritaFlauto
La Serra GregorioGoruzzu 'e MargheritaFlicornino
La Serra VittorioVittoriu 'e CardoniTromba in Si bemolle
Manfrida Nicola -Clarinetto in Si bemolle
Marincola Nicola (*) -Tromba in Si bemolle
Mesiano AntonioTotò do birboniClarinetto in Si bemolle
Mesiano AntonioTotò 'e ndoRoccoBasso in Mi bemolle
Mesiano Domenico 'U birboniBombardino
Mesiano GiuseppeNasoniPiatti e Triangolo
Mesiano Vittorio -Basso in Si bemolle
Montesano GiuseppeFigghiu 'e CensujuFlicorno soprano
Natale Antonio'NdoniClarone
Natale FrancescoCicciu 'e CarolinaTromba in Si bemolle
Nesci DomenicoMicuniasciSax baritono
Pasceri Antonio'Ntuani da cardinarotaGenis
Pasceri Antonio -Ottavino
Pasceri FrancescoCicciu 'e NicolinaTrombone tenore
Pasceri Umberto'MbertuOttavino
Perugino Antonio (*) -Grancassa/Timpani
Petrolo RoccoRuaccu CutrìTrombone tenore
Pileggi GiuseppeMastru Giusiappi 'e GibernaBasso in Mi bemolle
Pilieci SalvatoreNiputi do RopajinuTromba in Si bemolle
Rachiele PietroPetruzzuPiatti
Rachiele SalvatoreTuri 'e LenaTamburo
Rizzuti SalvatoreTuri 'e chichìGenis
Servello Francesco Antonio (*) -Basso in Si bemolle
Tino AntonioTotò 'e LoginaGenis
Tino BrunoBrunu 'e MuntagnaClarinetto in Mi bemolle
Tino GiuseppePiappi TinuBombardino
Tino RaffaeleRafiali da MantìaTromba in Si bemolle
Valelà Vincenzo'Nzinu 'e RichettaBombardino


(*) Trattasi di musicanti forestieri, chiamati a rimpiazzare qualche elemento mancante.

 

* * *

 

Repertorio della Banda Musicale

 

Brani operistici:
  • Aida;
  • Barbiere di Siviglia;
  • Carmen;
  • Cavalleria Rusticana;
  • Forza del Destino;
  • Gioconda;
  • Mafistofele;
  • Nabucco;
  • Norma;
  • Pagliacci;
  • Rigoletto;
  • Tosca;
  • Traviata.
Brani sinfonici:
  • Gazza Ladra;
  • Guglielmo Tell;
  • Italiani in Algeri;
  • Madama di Tebe;
  • Pastore Svizzero.
Marce:
  • A Piacere;
  • Annina;
  • Arlesiana;
  • Calabria;
  • Flora
  • Gaia;
  • La Ritirata;
  • Maggiolata;
  • Parata d'Eroi
  • Vestea.

 

* * *

 

Curriculum della Banda Musicale

 

Nel periodo di attività, la Banda musicale di Capistrano è stata presente nelle sottoindicate località della Calabria, in occasione delle feste patronali. È da evidenziare quella di Cessaniti, in provincia di Vibo Valentia, dove la Banda musicale ha onorevolmente condiviso il palco con la grande Banda dell'Arma dei Carabinieri.

  • Bovalino (Reggio Calabria);
  • Brognaturo (Vibo Valentia);
  • Capistrano (Vibo Valentia);
  • Castiglione Marittimo (Catanzaro);
  • Cessaniti (Vibo Valentia);
  • Cinquefrondi (Reggio Calabria);
  • Fabrizia (Vibo Valentia);
  • Filadelfia (Catanzaro);
  • Filogaso (Vibo Valentia);
  • Laureana di Borrello (Reggio Calabria);
  • Maierato (Vibo Valentia);
  • Monasterace (Reggio Calabria);
  • Monterosso Calabro (Vibo Valentia);
  • Platì (Reggio Calabria);
  • Polia (Vibo Valentia);
  • Polistena (Reggio Calabria);
  • San Nicola da Crissa (Vibo Valentia);
  • Sant'Onofrio (Vibo Valentia);
  • Stefanaconi (Vibo Valentia);
  • Vallelonga (Vibo Valentia);
  • Vazzano (Vibo Valentia).

 

* * *

 

Omaggio al M° Orlando Serrao

Maestro Concertatore e Direttore Artistico della Banda Musicale di Capistrano

Accingendomi ad affrontare un argomento così delicato, avevo previsto di non riuscire a trovare le "fonti" e le parole "adatte". I fatti hanno confermato i miei timori. Ci sono state, però, lodevoli eccezioni: ho potuto contare sull'aiuto di alcuni amici, che gentilmente mi hanno fornito utili notizie. Ho pure rispolverato, non senza grandi emozioni, antiche memorie per avere qualche altra testimonianza. L'avere ultimato questo lavoro, che completa quanto già scritto sulla Banda musicale di Capistrano, è stata l'occasione per me, come suo ex allievo, di rendere omaggio ad un musicista illustre, Orlando Serrao, che ha portato alto il nome del paese natìo. Ringrazio Guglielmo Serrao, suo figlio, che con grande disponibilità ha permesso e reso possibile, anche, la pubblicazione di queste note biografiche sul Web. Ho autorizzato, tempo addietro, gli amici Domenico e Michele (Canada) a pubblicare sul loro sito. Successivamente, autorizzo Mario a pubblicare il tutto sulle pagine Web da lui gestite.

Orlando Serrao nasce a Capistrano, provincia di Catanzaro (dal 06/03/1992 provincia di Vibo Valentia), il 03 novembre 1912. Da giovanissimo inizia il suo percorso musicale nel 1924 presso la Banda cittadina "G. Puccini", sotto la guida del Maestro Domenico Natale, compositore e poeta. La sua vocazione fu il clarinetto in Mi bemolle, di cui ben presto diviene un autentico virtuoso. Capistrano, però, era un piccolo centro isolato e non offriva ai giovani possibilità di lavoro. Molti capistranesi, infatti, furono costretti ad emigrare verso paesi lontani in cerca di un futuro migliore.
Anche Orlando Serrao, attratto dalla vita militare, ma soprattutto affascinato dalla divisa della Règia Marina, nel 1931, all'età di 19 anni appena compiuti, fa domanda per essere arruolato volontario nella Banda Musicale della Règia Marina, con la prospettiva verso un'affascinante carriera. Il 15 novembre 1932 viene convocato presso la Caserma "Duca degli Abruzzi" di Maridepo La Spezia (Comando Deposito C.E.M.M.), per sostenere gli esami di categoria, che supera brillantemente.

Il 1 dicembre 1932, visto l'esito positivo degli esami, viene arruolato volontario da Maridepo La Spezia e successivamente trasferito a San Bartolomeo, località poco distante dal comune di La Spezia, dove ha sede il Comando delle Scuole C.R.E.M.. Ed è proprio qui che Orlando Serrao inizia il suo percorso formativo (Corso Ordinario), finalizzato soprattutto al perfezionamento della tecnica strumentale del Clarinetto in Mi bemolle ed all'approfondimento della teoria musicale, solfeggio e storia della musica. All'interno della Caserma la solidarietà era forte, commovente, fatta di grande fiducia nel Comandante e nei Commilitoni. Stringe, subito, una profonda e duratura amicizia con due compagni di Corso, anche loro Allievi musicanti, che lo ricambiano in uguale sentimento: Vittorio Manente (che dal 1965 al 1980 assumerà l'incarico di Direttore della Banda Musicale della Marina) e Giuseppe Moscatelli, ottimo suonatore di clarinetto in Si bemolle. Ultimato il Corso Ordinario (20 maggio 1933) viene trasferito a Maridife Taranto e conseguentemente assegnato alla Banda Musicale della Règia Marina, al tempo diretta dal Maestro Direttore Pietro Carlo Aghemo.

Dopo alcuni mesi di permanenza a Taranto, il 14 novembre 1933 viene imbarcato sull'Incrociatore pesante R.N. Zara e successivamente, in periodi diversi, su altre Unità della Squadra Navale fra le più prestigiose della Règia Marina:
•  R.N. Quarnaro (Torpediniera), dal 28/01/1935 al 03/09/1935;
•  R.N. Conte di Cavour (Corazzata), dal 04/09/1935 al 17/08/1936;
•  R.N. Eugenio di Savoia (Incrociatore), dal 14/09/1937 al 27/04/1940.
Assolti gli obblighi di imbarco, il 28/04/1940, ritorna a Maridepo La Spezia per la frequenza dei Corsi di specializzazione generale (Corso I.G.P.) e di perfezionamento (Corso P.), che comprendevano, fra l'altro, lo studio dell'Armonia, Composizione musicale, Strumentazione e Direzione di Banda. A fine Corso P. gli vengono rilasciati i relativi "Diplomi" ed il conferimento della promozione a "Capo di 3ª classe musicante".

Nel 1943 rientra a Maridepo Taranto e vi rimane fino al 31/01/1948, data in cui lascia la Marina. Trascorso un breve periodo a Taranto, dove elegge domicilio in Via Nettuno n. 5, ritorna a Capistrano, suo paese natìo, dove mette a disposizione della cittadinanza la sua multiforme competenza musicale, acquisita nel corso della sua brillante carriera militare durante la quale, come Vice Maestro, ha avuto anche l'occasione di dirigere, a Montevideo, la Banda Musicale della Marina, dove si trovava occasionalmente presente un suo concittadino, Domenico Galloro "Micuzzu Galloru" (così mi raccontava il mio Maestro Orlando Serrao).
Nel 1949, forma la Banda Musicale di Capistrano, che dirige con grande professionalità fino al 1955. Il Ministero della Pubblica Istruzione gli affida nel 1956 l'insegnamento dei Corsi triennali di Orientamento Musicale, finalizzati ad avvicinare i bambini alla musica ed all'uso di uno strumento musicale.

Il 1° gennaio 1957 viene promosso Capo di 2a classe musicante nel personale della Forza in congedo e, in data 18 dicembre 1974, sarà promosso Guardiamarina e collocato in congedo assoluto per raggiunti limiti di età.
Dal 1974 in poi, il Maestro Orlando Serrao trascorre i restanti anni della sua vita con la famiglia, rispolverando di tanto in tanto quel meraviglioso repertorio musicale che negli anni 1950 lo aveva visto protagonista in tutta la Calabria, lasciandosi accarezzare dolcemente dalle arie struggenti di Vincenzo Bellini e di Gaetano Donizzetti, che da sempre sono state il companatico che ha accompagnato ed allietato le sue giornate.
Il Maestro Orlando Serrao, onore e vanto di Capistrano, che ha saputo continuare una tradizione musicale che ci appartiene di diritto, è morto a Capistrano il giorno 08 gennaio 1992, all'età di 80 anni.

  Bruno Cav. Tino

* * *

Autore: Bruno Cav. Tino

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2020 ~ XHTML