Sei in >> Racconti >> Un gesto semplice

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 54.84.236.168 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), marted́ 11 dicembre 2018 ~ Ore : 05:23:02 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 345 - Giorni mancanti a FineAnno: 20

Il sole sorge alle ore 07:27 e tramonta alle ore 16:39 - San Damaso I

 

Un gesto semplice

Ognuno può essere grande ... perché ognuno può servire.
Non è necessario avere una laurea per servire.
Non è necessario concordare soggetto e verbo per scrivere.
È necessario solamente un cuore pieno di grazia.
Un'anima generata dall'amore.

Martin Luther King

 

Un giorno Mark tornava a casa a piedi da scuola quando si accorse che il ragazzo davanti a lui era inciampato e aveva fatto cadere tutti i libri che portava e inoltre due maglioni, una mazza da baseball, un guantone e un piccolo registratore. Mark si inginocchiò e aiutò il ragazzo a raccogliere gli oggetti sparpagliati. Poiché facevano la stessa strada, lo aiutò a portare una parte del carico. Camminando Mark venne a sapere che il ragazzo si chiamava Bill, che amava i videogiochi, il baseball e la storia, che aveva molte difficoltà con le altre materie e che aveva appena rotto con la ragazza.
Giunsero prima a casa di Bill, e Mark fu invitato a bere una coca e a guardare la televisione. Il pomeriggio trascorse piacevolmente con qualche risata e quattro chiacchiere, poi Mark andò a casa. Continuarono a vedersi a scuola, pranzarono insieme un paio di volte, poi entrambi conseguirono il diploma di scuola media. Finirono alla stessa scuola superiore dove ebbero brevi contatti nel corso degli anni. Infine giunse il sospirato ultimo anno e tre settimane prima dell'esame di diploma Bill chiese a Mark di parlare con lui.
Bill gli rammentò quel giorno di anni prima in cui si conobbero.
« Ti sei mai chiesto perché portavo a casa tante cose quel giorno?» domandò Bill.
« Vedi, avevo liberato il mio armadietto perché non volevo lasciare un caos per qualcun altro. Avevo messo da parte alcune pastiglie di sonnifero di mia madre e stavo andando a casa per suicidarmi. Ma dopo aver passato un po' di tempo con te a parlare e a ridere, ho capito che se mi fossi ucciso non avrei più potuto godermi occasioni del genere. Così, vedi, Mark, quando hai raccolto i miei libri quel giorno hai fatto molto di più. Mi hai salvato la vita

 

* * *

Autore: John W. Schlatter - Tratto da "Brodo caldo per l'anima" di Jack Canfield & Mark Victor Hansen.

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML