Sei in >> Racconti >> Il più Degno - Mamadù

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 54.84.236.168 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), martedģ 11 dicembre 2018 ~ Ore : 05:23:37 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 345 - Giorni mancanti a FineAnno: 20

Il sole sorge alle ore 07:27 e tramonta alle ore 16:39 - San Damaso I

 

Il più Degno

Il più Degno - Mamadù

Tre giovani africani furono fatti entrare nella capanna delle riunioni.
Il Capo era seduto in fondo, circondato dai vecchi guerrieri.
I ragazzi gli s'avvicinarono.
«Per sei giorni - egli disse, parlando lentamente - siete stati lasciati nella foresta per mettere alla prova le vostre capacità, affinché noi potessimo giudicare se siete degni di essere considerati guerrieri. Siete ritornati sani e salvi, nonostante i mille pericoli. Ma non basta. Che cosa avete fatto per meritare il nome di guerrieri?».
Tra l'attento silenzio degli uomini della tribù, i ragazzi narrarono le loro imprese.
Uno aveva ucciso un leopardo, un altro aveva lottato con un pitone. Solo il terzo dei ragazzi non parlò.
«E tu, Mamadù, che cosa hai fatto?». Chiese il Capo.
«Ho preso un orcio di miele dalle api selvatiche». Rispose sommessamente Mamadù.
I ragazzi sorrisero. Che cos'era rubare del miele alle api? Ci voleva pazienza, audacia anche, ma non era una prova degna di un guerriero della tribù.
«Perché hai preso il miele e non hai cacciato qualche animale feroce?». Chiese il Capo.
«Tu sai - rispose Mamadł - che i miei genitori sono vecchi e ammalati; dovevo pensare a loro e l'ho fatto portando loro il miele».
Il Capo si alzò. Tese la lancia verso Mamadù e disse:
«Prendila, perché fra tutti tu sei il più degno.
Prima di essere cacciatore, un uomo deve essere uomo.
E c'è solo un modo per sapere quando egli è tale:
quando sopra ogni cosa egli mette l'amore e il rispetto per i suoi genitori».

 

* * *

Autore: Alberto Manzi

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML