Sei in >> Preghiere >> Secondo Mistero Luminoso del Santo Rosario

Buon Giorno, visitatore, il tuo numero IP è : 52.91.245.237 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerdì 14 dicembre 2018 ~ Ore : 09:53:27 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 348 - Giorni mancanti a FineAnno: 17

Il sole sorge alle ore 07:30 e tramonta alle ore 16:39 - San Giovanni della Croce

 

Il Vangelo della domenica

 

Secondo Mistero Luminoso del Santo Rosario

 

Secundum Mysterium Lucis. Auptiæ Canenses.

Nozze di Cana

Et die tertio nuptiæ factæ sunt in Cana Galilaeæ, et erat mater Jesu ibi; vocatus est autem et Jesus et discipuli eius ad nuptias. Et deficiente vino, dicit mater Jesu ad eum: «Vinum non habent». Et dicit ei Jesus: «Quid mihi et tibi, mulier? Nondum venit hora mea». Dicit mater eius ministris: «Quodcumque dixerit vobis, facite». Erant autem ibi lapideae hydriæ sex positæ secundum purificationem Judæorum, capientes singulæ metretas binas vel ternas. Dicit eis Jesus: «Implete hydrias aqua». Et impleverunt eas usque ad summum. Et dicit eis: «Haurite nunc et ferte architriclino». Illi autem tulerunt. Ut autem gustavit architriclinus aquam vinum factam et non sciebat unde esset, ministri autem sciebant, qui haurierant aquam, vocat sponsum architriclinus et dicit ei: «Omnis homo primum bonum vinum ponit et, cum inebriati fuerint, id quod deterius est; tu servasti bonum vinum usque adhuc». Hoc fecit initium signorum Jesus in Cana Galilaeae et manifestavit gloriam suam, et crediderunt in eum discipuli eius.

Giovanni 2, 1-11

 

Secondo Mistero Luminoso. Le nozze di Cana.

Tre giorni dopo, ci fu uno sposalizio a Cana di Galilea e c'era la madre di Gesù. Fu invitato alle nozze anche Gesù con i suoi discepoli. Nel frattempo, venuto a mancare il vino, la madre di Gesù gli disse: «Non hanno più vino». E Gesù rispose: «Che ho da fare con te, o donna? Non è ancora giunta la mia ora». La madre dice ai servi: «Fate quello che vi dirà». Vi erano là sei giare di pietra per la purificazione dei Giudei, contenenti ciascuna due o tre barili. E Gesù disse loro: «Riempite d'acqua le giare»; e le riempirono fino all'orlo. Disse loro di nuovo: «Ora attingete e portatene al maestro di tavola». Ed essi gliene portarono. E come ebbe assaggiato l'acqua diventata vino, il maestro di tavola, che non sapeva di dove venisse (ma lo sapevano i servi che avevano attinto l'acqua), chiamò lo sposo e gli disse: «Tutti servono da principio il vino buono e, quando sono un po' brilli, quello meno buono; tu invece hai conservato fino ad ora il vino buono». Così Gesù diede inizio ai suoi miracoli in Cana di Galilea, manifestò la sua gloria e i suoi discepoli credettero in lui.

Giovanni 2, 1-11

 

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML