Sei in >> Preghiere >> Cor, arca legem cóntinens - Cuore, arca contenente la legge

Buon Giorno, visitatore, il tuo numero IP è : 3.226.248.180 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), martedì 22 settembre 2020 ~ Ore : 09:57:46 - Settimana dell'anno n° 39 - Trimestre 3° [settembre] Vergine :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 266 - Giorni mancanti a FineAnno: 100

Il sole sorge alle ore 06:57 e tramonta alle ore 19:08 - San Maurizio

 

Il Vangelo della domenica

 

Cor, arca legem cóntinens - Cuore, arca contenente la legge

Tempo Ordinario - Sacratissimo Cuore di Gesù

 

Ad Officium lectionis - Hymnus

Cor, arca legem cóntinens
non servitútis véteris,
sed grátiæ, sed véniæ,
sed et misericórdiæ;

Cor, sanctuárium novi
intemerátum fœderis,
templum vetústo sánctius
velúmque scisso utílius:

Te vulnerátum cáritas
ictu paténti vóluit,
amóris invisíbilis
ut venerémur vúlnera.

Hoc sub amóris sýmbolo
passus cruénta et mýstica,
utrúmque sacrifícium
Christus sacérdos óbtulit.

Quis non amántem rédamet?
quis non redémptus díligat
et caritáte iúgiter
hærére Christo géstiat?

Jesu, tibi sit glória,
qui corde fundis grátiam,
cum Patre et almo Spíritu,
in sempitérna sæcula.

Amen.

All'Ufficio delle Letture - Inno

Cuore, arca contenente la legge,
non dell'antica servitù,
bensì di grazia, di perdono,
e di misericordia;

Cuore, santuario intemerato
di nuovo patto,
tempio più santo dell'antico
e velo più utile di quello squarciato:

L'amore ti volle
ferito da un manifesto colpo di lancia,
affinché venerassimo
le ferite di un amore invisibile.

Sotto questo simbolo di amore
Cristo ha sofferto un sacrificio cruento e misterioso,
e come Sacerdote offrì
ambedue i sacrifici.

Chi può non riamare l'Amante?
Qual redento può non amarlo
e non desidererà dimorare
in Cristo per sempre con l'amore?

Sia gloria a Te, Gesù,
che dal cuore riversi la grazia,
con il Padre ed il Santo Spirito
nei secoli eterni.

Così sia.

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2020 ~ XHTML