Sei in >> Santi Patroni >> Preghiere >> San Giacomo Maggiore patrono di Agliano Terme (Asti)

Buon Pomeriggio, visitatore, il tuo numero IP è : 35.175.182.106 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerd́ 14 dicembre 2018 ~ Ore : 13:12:32 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 348 - Giorni mancanti a FineAnno: 17

Il sole sorge alle ore 07:30 e tramonta alle ore 16:39 - San Giovanni della Croce

 

Il Vangelo della domenica

 

San Giacomo Maggiore

San Giacomo il Maggiore Patrono di Agliano Terme ( Asti )

San Giacomo il Maggiore Patrono di Agliano Terme

Tra tutti i martiri cristiani, il primo fu santo Stefano. Tra gli apostoli, il primo martire fu san Giacomo. Giacomo e Giovanni, fratelli, erano stati chiamati da Gesù «i figli del tuono». La loro stessa mamma li spingeva al seguito del Maestro e, udendo parlare di Gesù di regno e di gloria, chiese ingenuamente che tenesse i suoi figli ai posti d'onore accanto a Lui. Gesù aveva risposto a quella madre tanto umanamente ansiosa dell'avvenire dei suoi figli: «Voi non sapete ciò che domandate!». Infatti Giacomo dovette subire il martirio.
Veramente all'inizio non erano stati essi a farsi avanti: Gesù li aveva chiamati mentre, sulla barca del loro padre Zebedeo, i due fratelli riparavano le reti dopo la pesca. Da quel momento, lasciando il padre pescatore, essi seguirono Gesù, contenti di essere "pescatori di uomini" secondo la promessa del Maestro. I due fratelli furono discepoli privilegiati di Gesù, testimoni della guarigione della suocera di Pietro, della resurrezione della figlia di Giairo, della trasfigurazione di Gesù e dell'agonia nel Getsemani.
Negli Atti degli Apostoli la fine di Giacomo a Gerusalemme è narrata con queste parole: "E a quel tempo il re Erode si mise a maltrattare alcuni dei credenti. Fece morire così di spada Giacomo, fratello di Giovanni". Nel quartiere armeno di Gerusalemme oggi è possibile pregare in un'antica chiesa costruita proprio sul luogo del martirio dell'Apostolo, chiamato "Maggiore" perché più anziano di età rispetto all'altro apostolo Giacomo.

Soltanto nove secoli dopo la fama del figlio di Zebedeo riempì il mondo cristiano, a causa della veneratissima tomba di Compostella, meta di tutti i pellegrinaggi medioevali.
Ma se san Giacomo morì martire a Gerusalemme, nei primi tempi dell'era cristiana, come mai la sua tomba si sarebbe trovata in Spagna? È una questione non facile da spiegare, attorno alla quale eruditi e critici hanno a lungo discusso. Certo è che verso il 830 in una località della Galizia venne scoperto un sepolcro romano, che fu ritenuto di san Giacomo. In quel periodo Compostella si protendeva verso la Spagna ancora invasa dagli infedeli, e san Giacomo divenne l'animatore della speranza cristiana. Egli aveva l'immagine del condottiero che indicava la via della riscossa. La chiesa di san Giacomo di Compostella diventò così il luogo di convegno di tutti i pellegrini, il santuario europeo. Patrono dei pellegrini, san Giacomo fu rappresentato come un pellegrino, con il bordone in mano, la zucca dell'acqua e la conchiglia per bere. Proprio la conchiglia fu il distintivo di quanti erano diretti a Compostella, mentre i "romei", cioè i pellegrini diretti verso Roma, avevano per distintivo la Veronica, il volto di Gesù. La palma, infine, indicava coloro che, ancora più coraggiosi, si recavano a Gerusalemme, sul luogo dove l'Apostolo aveva subìto il martirio.

In Occidente, a partire dal VIII secolo, la festa liturgica viene celebrata il 25 luglio. Dal 1591 si ha notizia della venerazione di san Giacomo Maggiore, patrono della parrocchia di Agliano. Durante la celebrazione della festa viene benedetto e distribuito alle famiglie il pane di san Giacomo, il pane dei pellegrini.

Preghiamo:
Signore, santifica e custodisci il tuo popolo:
sorretto dall'aiuto del tuo Apostolo Giacomo,
ti piaccia per la santità della vita
e ti serva in tranquillità di spirito.
Per Cristo nostro Signore.
Così sia.

Preghiera a San Giacomo Maggiore

A San Giacomo patrono,
noi chiediamo, come dono,
di proteggere Agliano
e di tenderci la mano,
di guidare i nostri passi
tra le rose - non tra i sassi -,
di avere misericordia,
di donarci la concordia,
di vegliar su tutti noi
che siam anche figli suoi.

 

Agliano Terme

Agliano Terme è posto a 264 metri di altitudine nell'Alto Monferrato alle soglie delle Langhe ed appare subito come un paese di intensa bellezza: il susseguirsi armonioso dei colli, le colture ordinate dei vigneti che ad ogni stagione si tingono di colori diversi, i profumi tipici della campagna sono incantevoli elementi che accolgono il visitatore e che fanno da cornice alla schiettezza ed alla ospitalità degli abitanti. È terra di vini e di tartufi.
Le opere artistiche più prestigiose si trovano nelle Chiese che sorgono nel paese e nelle varie borgate. La Chiesa parrocchiale dedicata a San Giacomo Apostolo il Maggiore possiede alcuni notevoli altari in puro stile barocco, due preziosi amboni in marmo ed un crocefisso ligneo del 1400. La Chiesa di San Michele costruita negli ultimi anni del 1600 ed ora consacrata è diventata un luogo di incontri e possiede un campanile di buona fattura barocca. Il Santuario dell'Annunciazione di Molisso sorge sul colle omonimo fra boschi e vigneti. Gode di un panorama incantevole sulla Valle del Tiglione ed è legato alla leggenda di un eremita che prima del 1500 si ritirò in quel luogo a pregare e lavorare.
Altre chiesette sono San Sebastiano, Santa Croce e San Rocco. Per visitarle i turisti compiono salutari passeggiate tra le colline.

 

* * *

Fonte: Al tempo, nel 2004, notizie fornite dal parroco Don Severino Ramello

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML