Sei in >> Fiabe >> Il fiume

Buona Sera, visitatore, il tuo numero IP è : 54.210.61.41 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), sabato 23 febbraio 2019 ~ Ore : 21:57:24 - Settimana dell'anno n° 8 - Trimestre 1° [febbraio] Pesci :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 54 - Giorni mancanti a FineAnno: 311

Il sole sorge alle ore 06:55 e tramonta alle ore 17:53 - San Policarpo di Smirne

 

Il fiume

Il fiume

In un villaggio dell'est d'Europa, dove le case erano costruite in legno e i bianchi alberi di betulla si mescolavano con l'infinito, abitavano due amici Jojne e Shlomo.
Andavano assieme nel cheder [scuola] e insieme rimanevano nel Bel Knesser [sinagoga] a discutere la Torà [Legge]. Il fiume che divideva in due il villggio, separava anche le abitazioni di Jojne e Shlomo.
Ma un giorno, dopo una delle tante guerre, quel fiume si trovò a far da confine tra due Stati nemici. Furono distrutti i ponti e le sentinelle che sorvegliavano parlavano lingue diverse. I Signori della Guerra non si accontentarono e la sete di conquista prevalse. In lingue diverse fu impartito lo stesso ordine ai Caporali: «Catturate tutti i ragazzi e insegnate loro a sparare».
Jojne e Shlomo si ritrovarono in eserciti opposti.
La battaglia era durissima e Distruzione e Morte erano vincitori. Unica legge: sparare per primi.
Quando Shlomo si ritrovò davanti la canna di un fucile fu capace solo di pregare nella sua lingua sacra: 'Shma Israel… [ascolta Israele]». A quelle parole il fucile si abbassò scoprendo la faccia sorpresa di Jojne.
I due giovani si abbracciarono forte e quell'abbraccio fraterno divenne la Danza della Vita; quell'attimo ebbe il potere di fermare la guerra. Tutti i soldati infatti cominciarono a guardarsi meglio e a riconoscersi. La c'erano due cugini, qua due vicini, laggiù addirittura padre e figlio.
Non si sentirono spari, ma solo grida di gioia in tutto il bosco.

 

* * *

Autore: racconto tradizionale ebraico riscritto da Tomas Jelinek

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML