Sei in >> Fiabe >> Il girasole ed il grano - Un nuovo fiore

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 52.91.185.49 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), mercoledì 12 dicembre 2018 ~ Ore : 01:31:32 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 346 - Giorni mancanti a FineAnno: 19

Il sole sorge alle ore 07:28 e tramonta alle ore 16:39 - Beata Maria Vergine di Guadalupe

 

Un nuovo fiore

Il girasole ed il grano

Il girasole ed il grano - Un nuovo fiore

In un tempo lontano, in una bella distesa di grano, nacque un nuovo fiore. Era diverso da tutti gli altri, e le spighe, con il loro dolce ondeggiare cullate dal vento lo guardavano con diffidenza «un estraneo tra noi» dicevano «che sciagura, rovinerà lo splendido panorama che solo noi riusciamo a creare!», a volte lo prendevano in giro, la spiga Gina diceva: «Ma guardati sei proprio strano, sei troppo giallo, sarai malato?». E il fiore dal lungo stelo, si sentiva sempre più solo, sempre più triste, e mentre cresceva la sua testa si chinava in basso, per la vergogna di essere diverso.
Le spighe, vedendo che il nuovo arrivato non si difendeva neanche, presero ancora a elogiare le loro qualità una volta raccolte, facendo sentire il nostro fiore ancora più inutile. Dicevano in coro: «con i nostri frutti si fa la farina, con la farina si fanno i biscotti le torte e pure la pastasciutta di cui ogni creatura ne va ghiotta!» e la spighe gemelline gli dicevano: «e tu, dicci un po', a cosa servi? Secondo noi proprio a niente!». E lo strano fiore si chinava sempre più a guardar la terra!
Ma un giorno passò di lì una donna con il suo bambino, e le spighe eccitate dai complimenti che sapevano avrebbero ricevuto, si sussurrarono l'un l'altra a bassa voce: "coprite il buffo fiore, di modo che non lo possano vedere!». Ma il bambino curioso notò lo strano fiore tra le spighe di grano, fece avvicinare la sua mamma, e le chiese: «Mamma cos'è questa pianta, a che serve, perché è così china?».
La donna riuscì a vedere attraverso la sua solitudine e si commosse, versò una lacrima che finì proprio al centro del cuore del giovane fiore, che sentì per la prima volta un'emozione d'amore. «È un girasole, il più bel fiore, - disse la mamma - è nato per caso tra le spighe di grano e non sentendosi accettato ha chinato il capo, forse non sa che i suoi tanti fratelli sono talmente belli e talmente fieri da avere il capo eretto per guardare in faccia il sole. E poi, piccolo mio, immagina che questa distesa di grano sia un bel piatto di pastasciutta condita da un filo d'olio, il frutto del suo girasole».
Da allora il girasole alzò il capo per guardare il sole da mattina fino a sera, ma senza rancore per le sorelle spighe, che chiesero perdono per il male causato ma soprattutto capirono che un fiore non è peggiore solo perché diverso, che ogni creatura porta dentro di sé la propria bellezza e lo scopo della propria esistenza, e che invece di canzonarlo per tanto tempo avrebbero semplicemente potuto aiutarlo.

 

* * *

Autore: Sconosciuto.

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML