Sei in >> Capistrano >> Cronaca >> Raccomandata PT - Articolo di Antonio Pasceri

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 3.90.56.90 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), sabato 20 aprile 2019 ~ Ore : 22:33:54 - Settimana dell'anno n° 16 - Trimestre 2 [aprile] Ariete :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 110 - Giorni mancanti a FineAnno: 255

Il sole sorge alle ore 06:23 e tramonta alle ore 19:56 - Sant'Agnese Segni di Montepulciano

Hora tértia erat, et crucifixérunt Jesum.
Hora sexta ténebræ factæ sunt per totam terram usque in horam nonam.
Hora nona esclamávit Jesus voce magna, dicens:«Deus meus, Deus meus, ut quid dereliquísti me?»
Sepúlto Dómino, signavérunt monuméntum, volvéntes lápidem ad óstium monuménti. Ponéntes mílites, qui custodírent illum.

 

Fonte : Gazzetta del Sud
Data : 10 settembre 2014
Autore : Antonio Pasceri

 

CAPISTRANO

Raccomandata ferma da 15 giorni

~ ~ ~
Antonio Pasceri
CAPISTRANO
~ ~ ~

Una raccomandata spedita dall'ufficio postale di Capistrano il 22 agosto 2014 e da consegnare a Catanzaro non è stata ancora recapitata al destinatario.
Nonostante la raccomandata abbia percorso in quattro giorni (dal 22 al 26 agosto 2014) i 70 chilometri circa di distanza che separano Capistrano da Catanzaro, il plico piccolo postale è fermo inspiegabilmente dal 26 agosto 2014 al centro postale di Catanzaro e non riesce a smuoversi per completare il suo percorso di qualche chilometro al fine di essere consegnato al suo legittimo destinatario.
La raccomandata, in base ai tempi di consegna riportati anche nel sito delle Poste Italiane, sarebbe dovuta pervenire al destinatario «entro 48 ore dalla data di postalizzazione». Dal 26 agosto, la raccomandata risulta invece «in lavorazione presso il centro postale di Catanzaro centro».
A nulla sarebbe sortita nemmeno la lettera di reclamo on-line che il 4 settembre 2014 avrebbe trasmesso il mittente, il quale si sarebbe rivolto, inutilmente, persino al telefono verde 803160, anche perché, per giustificare un possibile ritardo di consegna, si sarebbe dovuta verificare una «causa di forza maggiore, come grandine, neve, terremoto, indirizzo errato».

 

* * *

Fonte : Gazzetta del Sud del 10/09/2014 - Autore Antonio Pasceri

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML