Sei in >> Capistrano >> Cronaca >> Capistrano: Festa e processione di Sant'Elena nel diruta e disabita frazione di Nicastrello

Buon Giorno, visitatore, il tuo numero IP è : 52.91.245.237 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerdì 14 dicembre 2018 ~ Ore : 08:31:37 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 348 - Giorni mancanti a FineAnno: 17

Il sole sorge alle ore 07:30 e tramonta alle ore 16:39 - San Giovanni della Croce

 

 

Fonte : Gazzetta del Sud
Data : 20 agosto 2016
Autore : Antonio Pasceri

 

 

 

Centinaia di fedeli nel borgo disabitato di Capistrano

Nicastrello rivive con Sant'Elena

Giunti anche fedeli da Monterosso Calabro e San nicola da Crissa

~ ~ ~
Antonio Pasceri
CAPISTRANO
~ ~ ~

I ruderi delle case
portati alla luce dal Comune
col progetto ecomuseo di montagna
Capistrano: Festa di Sant'Elena a Nicastrello

Alcune centinaia di fedeli di Capistrano, San Nicola da Crissa e Monterosso hanno tributato, come ormai da secoli, un sentito omaggio a Sant'Elena Imperatrice che si venera il 18 agosto nell'antico borgo disabitato di Nicastrello, che fu "Universitas", cioè Comune autonomo, fino al 1868
Le origini di Nicastrello sono incerte, ma il toponimo "Nicastrello" deriva da Rationale Antonio Nicastro, e tale toponimo risale quando "Nicastrello" aveva circa venti case abitate ed una "Cappella" sotto il titolo di "Sant'Elena". Nel sito della Cappella fu costruita nel 1630 l'attuale Chiesa che fu intitolata a Sant'Elena Imperatrice, già conosciuta e onorata dagli abitanti di Nicastrello e come protettrice dei fabbricanti di chiodi e di aghi e di chi cerca gli oggetti smarriti. Il centro abitato fu distrutto più volte dai terremoti. Nicastrello da oltre 60 anni è un borgo disabitato, anche a causa dell'emigrazione e dalla mancanza di una idonea strada di accesso (realizzata nel 1970), di servizi igienici, di energia elettrica.
Quest'anno i fedeli hanno avuto la gradita sorpresa di ammirare i molti ruderi delle case portate alla luce dal Comune, che ha fatto di Nicastrello uno dei cinque percorsi turistici realizzati con il progetto del ecomuseo della montagna, con un progetto finanziato dalla Regione per 248.016 euro.
Dopo la celebrazione della Santa Messa officiata dal parroco Antonio Calafati, la statua di Sant'Elena è stata portata, a spalla, in processione per le poche disabitate vie ancora transitabili, al suono della Banda di Capistrano e con i canti di centinaia di fedeli. A sigillare la particolare devozione dei fedeli, fin dalla notte dei tempi, viene cantata la “Litania Lauretana” dai pellegrini di Monterosso all'ingresso del borgo, nella zona retrostante la Chiesa da quelli di San Nicola da Crissa e sul sagrato dai fedeli di Capistrano.
L'antico e disabitato borgo di Nicastrello (che una volta pullulava di residenti) si ripopola tre volte l'anno: il 26 maggio e il 18 agosto rispettivamente per le feste di San Filippo e di Sant'Elena e, infine, il 19 agosto per il raduno degli amici dell'associazione "Amici di Nicastrello".

 

* * *

Fonte : Gazzetta del Sud del 20/08/2016 - Autore : Antonio Pasceri

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML