Sei in >> Capistrano >> Cronaca >> Capistrano: Con le Ceneri iniziati i riti religiosi del periodo quaresimale

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 3.90.56.90 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), sabato 20 aprile 2019 ~ Ore : 22:18:46 - Settimana dell'anno n° 16 - Trimestre 2° [aprile] Ariete :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 110 - Giorni mancanti a FineAnno: 255

Il sole sorge alle ore 06:23 e tramonta alle ore 19:56 - Sant'Agnese Segni di Montepulciano

Hora tértia erat, et crucifixérunt Jesum.
Hora sexta ténebræ factæ sunt per totam terram usque in horam nonam.
Hora nona esclamávit Jesus voce magna, dicens:«Deus meus, Deus meus, ut quid dereliquísti me?»
Sepúlto Dómino, signavérunt monuméntum, volvéntes lápidem ad óstium monuménti. Ponéntes mílites, qui custodírent illum.

 

 

Fonte : Gazzetta del Sud
Data : 03 marzo 2017
Autore : Antonio Pasceri

 

 

 

Capistrano

Con le Ceneri iniziati i riti religiosi del periodo quaresimale

~ ~ ~
Antonio Pasceri
CAPISTRANO
~ ~ ~

Dopo le giornate della spensieratezza e dei pranzi del Carnevale, culminanti con il suo ultimo giorno, ossia martedì grasso, per i cattolici giunge subito il mercoledì delle ceneri, il giorno che dà inizio alla Quaresima, che, precedendo la Pasqua cattolica, si conclude dopo 40 giorni.
Nei giorni antecedenti al mercoledì santo la generalità dei Capistranesi sono stati impegnati a spezzettare la carne dei maiali, molti allevati direttamente, per fare insaccati e lardo e, di conseguenza, anche a preparare e consumare pasti con abbondante carne di maiale, preparata in vari e gustosi modi.
Mercoledì delle ceneri, per i cattolici, la Chiesa prescrive l'obbligo del digiuno e dell'astinenza dalle carni. Obbligo di astinenza dalle carni esteso a tutti i sei venerdì della quaresima, ad eccezione di bambini, ammalati ed anziani. Obbligo del digiuno sembra essere sempre più in decadenza nel mondo cattolico, per cui anche il parroco Antonio Calafati avrebbe preventivamente raccomandato ai fedeli di osservare scrupolosamente l'astinenza dalla carne e di limitarsi ad un pranzo, privo di qualsiasi leccornia per mercoledì delle ceneri e di astenersi dal mangiare carne per tutti i venerdì antecedenti la Pasqua.
Per poter fare partecipare tutti i fedeli (compresi quelli che durante il giorno devono lavorare, andare a scuola o compiere altri doveri) al rito del spargimento sul capo delle polveri di cenere benedetta (ricavate dalla bruciatura dei ramoscelli di ulivo del venerdì santo), il parroco Calafati ha celebrato, nella giornata di mercedi delle ceneri, due sante messe, la prima alle ore 8 di mattina e la seconda alle ore 17:30 di pomeriggio.
Ora, tra gli appuntamenti liturgici raccomandati dal parroco ai fedeli vi è il cammino quaresimale di riflessione e penitenza e, quindi, la partecipazione alla Via Crucis, il rito che svolgendosi, in chiesa, nei pomeriggi dei sei venerdì quaresimali, ricostruisce e commemora il percorso doloroso di Cristo che viene portato sul Golgota per essere crocefisso.

 

* * *

Fonte : Gazzetta del Sud del 03/03/2017 - Autore : Antonio Pasceri

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML