Sei in >> Capistranesi >> Barbara Esposito >> Una piccola e semplice storia

Buona Notte, visitatore, il tuo numero IP è : 3.234.208.66 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), domenica 23 febbraio 2020 ~ Ore : 04:26:40 - Settimana dell'anno n° 9 - Trimestre 1 [febbraio] Pesci :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 54 - Giorni mancanti a FineAnno: 312

Il sole sorge alle ore 06:55 e tramonta alle ore 17:53 - San Policarpo di Smirne

 

Una piccola e semplice storia

" Una piccola e semplice storia " della scrittrice Barbara Esposito. Calabria Letteraria Editrice / Rubbettino - Luglio 1998

Una piccola e semplice storia di Barbara Esposito

La introduzione del libro è del prof. Vincenzo Crupi:

"Ho accettato di scrivere questa introduzione per simpatia verso l'autrice e per il fatto che non considero privo di valore, questo scritto. I temi sostanziali sono tre: 1) il diario testimonianza; 2) la critica del gusto; 3) la morale cattolica. Da qui si può in qualche modo risalire al genere dello scritto: un trattato morale autobiografico, una storia intercalata da una pedagogia. L'unione dei tre temi si realizza in quello che il titolo scandisce: «piccola e semplice storia». Con queste parole pascoliane possiamo comprendere le intenzioni dell'autrice. Ora, non esistono opere semplici e piccole, nel senso di non ispirate ad altra letteratura.
Aggiungerei piuttosto gli aggettivi «onesta» e «sincera», che ben si attagliano a quello che leggiamo e soprattutto non urtano con i contenuti del testo. La parte più coraggiosa e più bella del libro rimane la memoria autobiografica. Sono questi personaggi descritti con sfarzo di immagini barocche e pure. Il raggiungimento di quella sincerità ed onestà di cui parlavamo è totale in questa parte. I sentimenti, le sensazioni e poi il viaggio. Nel viaggio è la parte per me più pregevole e affascinante dello scritto - prima la fantasia che nasce sui racconti del «nonnino», poi l'animo semplice dell'autrice che guarda i paesaggi veri, fuori dall'Italia. Ho subito pensato, leggendo quelle immagini, allo scritto sull'Acropoli di Freud e specie al rapporto che esisteva per lui fra l'Atene immaginata a scuola e l'Atene vissuta sull'Acropoli. Freud ci ricorda la sua fuga dal reale, lo sdoppiamento e la nascita in lui del «briccone», del bambino che non guarda la realtà, ma si dà al «narcisismo estatico», quasi un ateniese che rifiuti il realismo e la polis, per fuggire nella fantasia e nel creativo. Il libro di Barbara è tutto questo: la trasfigurazione estatica del reale, lo sguardo del «briccone» freudiano. Il personaggio che è l'autrice e i motivi della sua particolarità emergono in questa verità di cosciente contemplazione del mondo, nella voglia di non smarrire l'innocenza. Allora ben venga questa «piccola e semplice storia», alla quale aggiungiamo ancora i nostri appellativi «onesta e sincera»."

Prof. Vincenzo Crupi

 

* * *

 

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2020 ~ XHTML