Sei in >> Capistranesi >> Barbara Esposito >> Karim in fondo agli abissi, il mare non è più lo stesso

Buon Giorno, visitatore, il tuo numero IP è : 52.91.245.237 - Fanne buon uso ;-)

Capistrano (VV), venerdì 14 dicembre 2018 ~ Ore : 09:27:44 - Settimana dell'anno n° 50 - Trimestre 4° [dicembre] Sagittario :-) ;-) - Giorni trascorsi da InizioAnno: 348 - Giorni mancanti a FineAnno: 17

Il sole sorge alle ore 07:30 e tramonta alle ore 16:39 - San Giovanni della Croce

 

 

Fonte: Il Quotidiano del Sud del 19 luglio 2015 - "Racconti nel cassetto"

 

Karim in fondo agli abissi
Il mare non è più lo stesso

 

di Barbara Esposito

 

Karim si sedette sul gommone. Sopra e sotto di lui, cielo e mare. Nel suo cuore ansia e speranza. Ora è giù, in fondo agli abissi, con gli occhi spenti e la sua giovane vita cancellata. Karim non godrà l'alba di questa nuova estate, il mare è una cassa che rinchiude il suo giovane cuore spezzato dalla malasorte.
Per Karim non serve il dolore e neppure le lacrime finchè non si avrà il coraggio di non "sterilizzare" il male con inutili e interminabili parole.
I giorni dell'estate si succedono e fuggono via sotto gli occhi di un'umanità indolente che non si pone domande e non cerca risposte.
Gli occhi di Karim erano color ambra e miele, come quelli dei nostri figli. I suoi ultimi battiti hanno bramato libertà, pane e vita. Karim, e il suo cuore, c'interpella ad essere capaci di non recidere i cordoni di una fratellanza che ci può guarire dall'egoismo, dall'inedia, dal perbenismo.
Ascoltiamo il cuore... Diamo voce al dottor Corbelli, difensore dei diritti civili, che vuole portare Karim sotto l'ombra della buona terra. Immagino vorrà vestirlo di bianco per poterlo vedere sorridere al sole. Karim, assieme ad altri cocci di fragile argilla, aspetta una croce e una preghiera. Lui stesso è diventato croce e attende il calore di una resurrezione.
Corbelli, vuole fare un qualcosa di così commovente e umano da meritare risposte certe e concrete. Karim, forse, arriverà un giorno, lì, dove l'estate prepara, ogni sera, il concerto per le stelle, tra valli d'incanto e alberi cullati dal vento. Questa speranza fa sì che anch'io viva meglio questa estate strana.
Quando cammino sulla spiaggia o entro nel mare non posso non pensare a Karim. La salsedine brucia gli occhi e il cuore rendendo il suo assaggio più amaro.
Non godo del mare quest'anno perché Karim è nei suoi abissi.
Al calar della sera, quando cerco di acquietarmi nei suoi tramonti, come vorrei vedere il mare mettersi in adorazione per baciare il cuore innocente di Karim.

 

* * *

Fonte: Il Quotidiano del Sud del 19 luglio 2015 - "Racconti nel cassetto"

| indietro | ~ | torna su |

 


www.mpasceri.it © copyright 2010 - 2018 ~ XHTML